News Sesso

Spanking bdsm: cos’è e come praticarlo

Lo spanking è una delle pratiche BDSM più conosciute e praticate al mondo, che consiste di fatto nello sculacciare, utilizzando più o meno forza, sia a mani nude che con specifici e adatti oggetti, le natiche del proprio partner sessuale, allo scopo di arrecare profondo e intenso piacere ed eccitazione. La facilità di esecuzione di questa interessante e per certi versi divertente tecnica, la rende molto popolare e conosciuta in ambito sadomaso fin dall’antichità, tuttavia malgrado non sia difficile praticarla, è comunque utile conoscere le posizioni più indicate, gli strumenti adatti ed i loro nomi che si differenziano in base alla specifica tipologia di oggetto, ed i ruoli che si possono assumere all’interno di questa pratica erotica.

I ruoli

Principalmente si parla di due tipologie di ruoli che si determinano in base a chi subisce o effettivamente da, le sculacciate sulle natiche nude. Quando è l’uomo a darle eseguendo di fatto lui lo spanking, si parla di dominazione maschile che può essere resa ancora più particolare, indossando vestiti che vanno a intrepretare un ruolo come da infermiera o studentessa, in base alle preferenze specifiche della coppia: in questi casi la donna viene sculacciata per punizione per aver commesso qualcosa di sbagliato, sempre all’interno del gioco di ruolo che si instaura in questa situazione.

Quando è viceversa la donna ad effettuare la pratica, si parla di femdom ovvero di dominazione femminile, in cui in questo caso prende il nome di mistress o in italiano padrona, e può ricoprire il ruolo, ad esempio, di madre o sorella maggiore severa.

Posizioni nello spanking

La posizione tradizionale, maggiormente usata, consiste nel far mettere sulle ginocchia di chi effettua la pratica, chi viene sottomesso e riceve le sculacciate, ma può venire eseguita anche aiutandosi con sedie o spalliere e in linea generale con il busto piegato a novanta gradi. Scegliere una posizione specifica e adatta, può far aumentare l’eccitazione facendo sentire completamente dominato da chi la assume.

Esiste inoltre una grande panca in legno, chiamata cavallo per lo spanking, progettato in diverse dimensioni allo scopo di rendere l’esecuzione della pratica ancora più semplicemente e comoda, è composto come da un cavalletto con ai lati delle braccia, dove è possibile legare gli arti come gambe o braccia con corde e funi.

Gli strumenti

Generalmente questa pratica viene eseguita a mani nude, ma è possibile utilizzare degli oggetti particolari che comprendono una vastissima gamma di fruste e frustini, cinture in cuoio, canne o rami di legno flessibile, palette e scarpe. La scelta di uno di questi particolare strumenti dovrebbe essere fatta, basandosi ovviamente sulle preferenze di chi la pratica, e sul ruolo specifico che si sta intrepretando durante il rapporto sadomaso, con l’obiettivo di rendere nel complesso la pratica ancora più piacevole ed eccitante.

È inoltre possibile indossare un costume, chiamato gonna da sculacciata, che consente di mostrare con più erotismo e velocità il sedere nel momento durante lo spanking, è generalmente di colore nero e risulta essere molto aderente al corpo per accentuarne le forme, realizzato in pelle sintetica come il lattice, è tipicamente la veste fetish più diffusa durante le pratiche di BDSM in generale.

Consigli finali

Essendo una pratica se pur non difficile o pericolosa da eseguire, ma considerata tipicamente sadomaso, è utile approcciarsi ad essa nel modo più naturale e intelligente possibile, facendo di conseguenza estrema attenzione a tutte le preferenze di chi la subisce ed esegue, allo scopo di rendere la dominazione e sottomissione quando più possibile piacevole, senza spingersi oltre i limiti che si devono stabilire necessariamente, per evitare quante più situazioni spiacevoli, prima del suo inizio in comune accordo. Se eseguita in modo corretto, può essere un importante aiuto psicologico per entrambi i sessi, capace di rendere inoltre più interessante la vita sessuale di chi decide di eseguirla.